Smart Working: i principali benefici

Lo Smart Working è una formula di flessibilità lavorativa sempre più richiesta negli ultimi anni. In quest’articolo analizzeremo la rilevanza dei suoi benefici sia per le imprese, che per il lavoratore.

Flessibilità e autonomia sono i cardini su cui si fonda lo Smart Working, la nuova modalità lavorativa subordinata dall’assenza di vincoli orari o spaziali, stabilita mediante un accordo tra dipendente e datore di lavoro, a fronte di una responsabilizzazione sui risultati.

Ai “lavoratori agili” viene garantita la parità di trattamento economico e normativo rispetto ai loro colleghi che eseguono la prestazione con modalità ordinarie. È, quindi, prevista la loro tutela in caso di infortuni e malattie professionali, secondo le indicazioni illustrate dall’INAIL nella Circolare n. 48/2017.

Il fenomeno Smart Working, sempre più richiesto negli ultimi anni, non è però una semplice iniziativa di welfare aziendale per le persone, ma innesca un vero e proprio processo multidisciplinare di trasformazione delle imprese.

Trasformazioneche parte da un lato dalla progressiva e pervasiva digitalizzazione dei processi e dall’altro dalla revisione del modello di leadership.

In questo senso lo Smart Working permette di mettere al centro il team, il lavoro di squadra e la dinamicità verso un modello di business pratico, organizzativo ed efficace.

Secondo l’Osservatorio del Politecnico di Milano sullo Smart Working, nel 2019 in Italia i lavoratori Smart sono cresciuti del 20% in più rispetto al 2018 per un totale di circa 570mila persone che hanno scelto il lavoro agile.

Il motivo? Per la riduzione dei tempi e dei costi di trasferimento, per il miglioramento del work-life balance e per l’aumento della motivazione e della soddisfazione personale.

Ma, come anticipato, i benefici non sono soltanto per i lavoratori, ma anche per le aziende che grazie allo Smart Working possono: aumentare la produttività lavorativa, ridurre l’assenteismo, ridurre le ore di straordinario e ridurre i costi per gli spazi fisici.

Senza contare poi tutti i vantaggi misurabili anche per l’ambiente ad esempio in termini di riduzione delle emissioni di CO2 e riduzione del traffico.

Il Lavoro Agile è quindi sinonimo di benessere e produttività dei dipendenti, nonché di miglioramento per le imprese.

Le pratiche di lavoro a distanza si stanno rivelando un’arma vincente per fronteggiare situazioni di necessità a livello locale e nazionale. Ne è un pratico esempio l’attuale emergenza Coronavirus che ha costretto molte realtà imprenditoriali ad adottare a pieno regime lo Smart Working con l’obiettivo di ridurre al minimo i rischi e le possibilità di contagio, senza rinunciare a portare avanti l’operatività.

In questo quadro ne è emerso come le aziende già abituate allo Smart Working prima della situazione d’emergenza, abbiano tratto un enorme vantaggio organizzativo e competitivo, rispetto a realtà meno avvezze a queste pratiche.

L’epidemia del Covid-19 ha quindi dimostrato la validità organizzativa di questo strumento, ma ha anche sottolineato la difficoltà di molte realtà che si sono dovute fermare per non aver abbracciato prima la digital trasformation.

La tecnologia oggi abilita cambiamenti profondi nell’organizzazione aumentando produttività ed efficienza organizzativa e lo Smart Working ne è un esempio lampante.

Se anche tu sei interessato ad implementare gli stumenti di Smart Working al fine di consentire ai tuoi collaboratori di lavorare a distanza in modo flessibile ed efficiente, scrivi innovation@millergroup.it.Ti illustreremo tutte le soluzioni tecnologiche su misura per te e per la tua impresa

Related posts

Il protocollo condiviso per il contenimento del Covid-19

L’obiettivo del protocollo condiviso è fornire indicazioni operative finalizzate a incrementare, negli ambienti di lavoro non sanitari, l’efficacia delle misure precauzionali di contenimento per contrastare l’epidemia di COVID-19...

Read More