bg

News

Precision Marketing: trend e vantaggi dell’ultima frontiera del marketing

img News Precisionmarketing Marketingdigitale Bigdata Pietrogorgazzini Vantaggi Userexperience

Il Marketing di precisione permette di proporre il contenuto idoneo all’utente giusto nel momento ideale del suo consumer journey. Questo approccio scientifico, introdotto in questo articolo, analizza tutti i passaggi e le azioni che un utente compie durante il processo di acquisto di un determinato bene o servizio, permettendo così di raccogliere dati molto specifici e utili per ricreare l’identikit perfetto della propria buyer persona. Infatti, nel panorama attuale iper-connesso e costellato di big data, conoscere con certezza il tipo di consumatore con cui si ha a che fare è un’importante conquista.

Il primo grande vantaggio offerto dal Precision Marketing è la possibilità di costruire una User Experience senza eguali: i dati che si acquisiscono grazie a questo approccio permettono di personalizzare le strategie delle aziende intorno ai bisogni e desideri reali degli utenti riuscendo ad offrire una proposta realmente settata sulle esigenze del singolo individuo. Questa tecnica incoraggia la fedeltà al marchio e stimola l’acquisto dei clienti già esistenti, piuttosto che concretarsi esclusivamente ad attrarne di nuovi: oltre ad essere più economico, i clienti esistenti spendono fino al 67% in più di chi invece si trova al primo acquisto.

Gli ambiti di applicazione del Marketing di precisione sono molteplici: i contesti più interessanti in cui sta prendendo largo sono il digital, il retail, la blockchain e il food marketing. Ma quali sono le ragioni fondamentali dietro la scelta di investire nel Precision Marketing? Lo abbiamo chiesto a Pietro Gorgazzini, esperto di Precision Marketing a livello europeo, con cui come Miller abbiamo avviato un percorso sinergico su diverse tecnologie:

  • Quali sono i maggiori vantaggi per le aziende offerti dal Precision Marketing e come può essere implementata?

In un momento storico in cui il consumatore viene letteralmente bombardato di messaggi pubblicitari, in ogni forma, attraverso ogni canale possibile, raggiungere i propri clienti potenziali nel momento in cui sono più disponibili ad ascoltare il nostro messaggio e, soprattutto, rivolgendoci ad ogni singola persona nella sua unicità e non con una creatività standard indirizzata in modo indiscriminato a migliaia – se non milioni - di utenti…mi viene da dire che non sia nemmeno una scelta basata su qualche vantaggio, ma l’UNICO MODO per avere una chance di successo in un mercato sempre più competitivo e saturo.

  • In che lasso temporale è possibile ottenere risultati concreti?

L’aspetto più entusiasmante di questo approccio è che, nonostante si tratti di un processo iterativo di test&learn, che può essere ottimizzato progressivamente sfruttando i dati di ritorno di ogni singola campagna, i risultati possono essere tangibili già dal primo giorno di attività! Questo mina alla base molti degli assunti dietro cui, storicamente, le agenzie di comunicazione si barricavano per non assumersi fino in fondo la responsabilità del successo di una campagna (es. “La comunicazione è un lavoro di lungo termine, i risultati si vedranno nei mesi – se non negli anni - futuri”).

  • Qual è la prossima frontiera del Precision Marketing?

Mi piacerebbe rispondere “l’intelligenza artificiale” ma la verità è che, a mio avviso, siamo molto molto lontani. Sicuramente gli algoritmi di machine learning stanno dimostrando grandissimo potenziale in ottica di ottimizzazione delle campagne, ma non parlerei (ancora) propriamente di intelligenza artificiale. Un fronte molto concreto di sviluppo su cui anche noi in Madfish stiamo investendo molto e il cui impatto sarà davvero disruptive (mi scuso per la buzzword inflazionata) è la “creatività dinamica”, ossia software in grado di modificare foto e video in tempo reale per servire all’utente finale un contenuto pubblicitario letteralmente personalizzato 1:1. Diciamo che un marchio di abbigliamento sportivo voglia legarsi al mondo travel, pianificando una campagna standard il software potrebbe cambiare l’outfit del modello/modella e il copy della pubblicità ad ogni singola erogazione così a “Mario” che sta cercando viaggi in Norvegia, mostrerò un outfit tecnico per attività outdoor in un clima rigido, mentre “Sara”, che ha da poco prenotato per la Sardegna, vedrà un look estivo con un testo che consiglia, proprio per la Sardegna, di abbinare un certo capo ad un altro per stare freschi ma al tempo stesso proteggersi dal vento che sull’isola soffia spesso.

 

Miller Group si sta sviluppando sempre di più verso l’offerta di servizi innovativi in grado di offrire risultati robusti e in linea con i trend internazionali.

Scrivi a Paul Renda, founder di Miller Group, per maggiori informazioni sulle tecniche di Precision Marketing: paul.renda@millergroup.it


Tags: News Precisionmarketing Marketingdigitale Bigdata Pietrogorgazzini Vantaggi Userexperience