bg

News

La guida definitiva ai Premi INAIL 2018/2019

img News Premiinail Consulenzadellavoro Premi Calcolopremi Nomenclatore Autoliquidazione

A partire dall’inizio del 2019, l’intera normativa relativa al calcolo e alla determinazione dei premi INAIL è stata oggetto di una significativa e profonda revisione operata a seguito dell’approvazione della Legge di Bilancio per il 2019. 

Le novità sono classificabili in 3 gruppi:

  • nuovo nomenclatore INAIL;
  • nuove basi di calcolo premi;
  • autoliquidazione 2019.

Inevitabilmente, le modifiche introdotte avranno dei riflessi rilevanti, da non sottovalutare: molte voci di tariffa verranno automaticamente convertite, con la previsione di una differente classificazione per determinate attività assicurate.

 

L’aggiornamento del nomenclatore

La nuova versione del nomenclatore tariffario conferisce diversi tassi alle attività in base al rischio lavorativo specifico di ogni mansione, tenendo conto persino delle nuove attività sviluppatesi negli ultimi anni e dei rischi a queste connessi (ad esempio, come per la professione dei rider che prima era inesistente o le attività che producono nanomateriali, una tecnologia prima inesistente). Quindi, da 739 le voci tariffarie sono passate a meno di 595, a causa dell’eliminazione di alcune voci che ormai erano diventate obsolete.

  

Le novità sui tassi dei premi

I tassi medi sono stati ridotti di quasi un terzo: calcolati in base a ogni tipo di lavorazione e a livello nazionale, sono stati presi in considerazione sia i dati sull’andamento infortunistico e tecnopatico sia le retribuzioni soggette a contribuzione di competenza, entrambi registrati dal 2013 al 2015. Il risultato ottenuto per le aziende è una diminuzione di circa il 32% dei tassi medi e, al tempo stesso, l’onere finanziario annuale dell’assicurazione per le imprese cala di circa 1,7€ miliardi. Inoltre, i singoli tassi di premio non superano mai quelli già previsti dalla precedente Tariffa 2000, ma in alcuni casi sono persino inferiori di oltre 50%. Il tasso massimo è pari al 110 per mille, persino per i lavori con un alto rischio: un valore comunque più basso del precedente 130 per mille.

 

Le basi di calcolo per l’autoliquidazione

Entro il 31 marzo 2019, l’INAIL ha reso disponibili le basi di calcolo dell’autoliquidazione sia del premio assicurativo di regolazione per il 2018 sia di rata per il 2019. I datori di lavoro le troveranno all’interno del servizio online dedicato, il “Fascicolo Aziende”.

Generalmente, l’INAIL avrebbe dovuto renderle disponibili entro il 31 dicembre; tuttavia, è stato necessario il differimento per poter adeguare le tabelle e le procedure alle nuove tariffe vigenti nel 2019.

 

Dunque il sistema tariffario INAIL è stato revisionato con la legge di Bilancio 2019, con la finalità di diminuire il peso del premio assicurativo sul costo del lavoro. Questo reale risparmio per tutti i datori di lavoro, tuttavia, è ancora in fase di verifica, ma l’adeguamento delle tabelle e delle applicazioni informatiche ha comportato lo slittamento al 16 maggio 2019 di alcuni adempimenti riguardanti l’autoliquidazione del premio di rata 2019. Questo differimento ha dato all’INAIL la possibilità di fornire le basi di calcolo dell’autoliquidazione entro il 31 marzo.

Un’altra novità si riferisce alle PAT ponderate che verranno cessate d’ufficio al 31 dicembre 2018. Queste saranno sostituite da PAT non ponderate con un tasso per ogni voce di tariffa (e non più un tasso unico).

Insieme alla pubblicazione delle basi di calcolo nel Fascicolo Aziende, l’INAIL dovrebbe adeguare anche gli altri servizi online, quali:

  • Richiesta o consultazione delle basi di calcolo
  • Riduzione delle retribuzioni presunte per la rata 2019
  • ALPI online

La norma, infine, non prevede alcun adempimento da parte del datore di lavoro, poiché i compiti di elaborazione e invio dei tassi 2019 e le basi di calcolo è a carico dell’INAIL. Tuttavia, il datore di lavoro o i suoi intermediari dovrebbe verificare che le Voci di Tariffa corrispondano effettivamente con le lavorazioni svolte: è infatti consigliabile al fine di evitare che ci siano anomalie tra il passaggio delle Tariffe 2000 a quelle 2019.

 

Per maggiori informazioni in merito alle novità normative dei premi INAIL scrivi a Diego Albergoni, Consulente del Lavoro di Miller Group: diego.albergoni@millergroup.it

 

 


Tags: News Premiinail Consulenzadellavoro Premi Calcolopremi Nomenclatore Autoliquidazione